cannolo festival

Cannolo Festival | Piana, Fulgatore, Santa Cristina, S.G.Jato

Presso il Mercato Sanlorenzo a Palermo

Protagonisti di questa edizione 2018 del Cannolo Festival sono i maestri pasticceri di:
– Piana degli Albanesi, il borgo dell’entroterra palermitano noto ormai come “il paese dei cannoli”, custode di una tradizione secolare e di ricette che ancora oggi nascondono segreti di produzione gelosamente custoditi;
– Santa Cristina Gela, che condivide con i cugini di Piana la materia prima dello stesso territorio ma con ricette differenti.
– San Giuseppe Jato, con una lavorazione originale e immediatamente riconoscibile e scorze leggere.
– Fulgatore, a cui spetta il delicato compito di rappresentare la provincia di Trapani, famosa per uno stile unico e inconfondibile già nella forma della scorza (più allungata e appuntita), ma soprattutto nella lavorazione della ricotta (più grezza e meno setacciata), per veri intenditori.

I maestri coinvolti sono Nicola Petta (Extrabar F.LL PETTA – Piana degli Albanesi, Palermo); i campioni in carica Fratelli Biscari, vincitori della scorsa edizione (Bar Pasticceria del Corso – Santa Cristina Gela, Palermo); Salvatore Cerniglia (La Pasticceria Cerniglia – San Giuseppe Jato, Palermo); Rocco Vultaggio (Bar Vultaggio Fulgatore, Trapani).

IL PROGRAMMA:
– Sabato e domenica dalle 10.30 alle 22.30: banchetti e degustazioni
– Sabato e domenica alle 11.30 e alle 16: nell’area-lab i quattro maestri a turno mostrano la propria preparazione
– Domenica alle 12: Facciamo il cannolo! (laboratorio ludico dedicato ai bambini, che avranno la possibilità di imparare la preparazione del cannolo, dalla lavorazione della ricotta alla farcitura delle scorze. A cura di PalermoBimbi)
– Domenica alle 17: degustazione tecnica, presentazione dei maestri in gara, scelta della giuria tecnica
Domenica alle 18: “Una storia sexy”, Gaetano Basile ripercorre tra testimonianze storiche e curiosità piccanti la nascita del cannolo.
– Domenica alle 19: premiazione finale (con la somma del voto tecnico e quello popolare)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *